art
Anne Ten Donkelaar: Underwater Ballet

La “natura morta” ha sempre rappresentato un genere artistico “minore” rispetto a quello storico, mitologico e religioso, fino ad arrivare alla sua consacrazione in Italia con Caravaggio nel XVII secolo. Il genere si è evoluto successivamente e oggi i fiori vengono non più solo dipinti, ma fotografati ed elaborati digitalmente con una moltitudine di tecniche. L’artista olandese Anne Ten Donkelaar, però, ha saputo reinventare l’iconografia del genere, fino a portarla al massimo livello di poesia.

Da sempre attratta dalla natura, nella serie “Underwater Ballet” realizza dei quadri onirici con fiori delicati ed eleganti, che ancora al fondo tramite piccoli gioielli in metallo. Si ottiene una danza silenziosa e immersa negli abissi, una coreografia spirituale che nutre l’anima di bellezza e regala un attimo di immortalità a ciò che in quanto a caducità non ha eguali: il più delicato dei fiori.

© Anne ten Donkelaar

Vota