francois berthoud, ltvs, lancia trendvisions

“L’erotismo è un tema costante, anche nella pubblicità. Ma in confronto alla fotografia, l’illustrazione può dare più spazio all’immaginazione e all’interpretazione”. Parla il grande illustratore svizzero François Berthoud, divenuto famoso a partire dagli anni 80 per le sue collaborazioni con Vanity Fair e Vogue, e per le sue collaborazioni con i big della moda mondiale.

La sua firma è nota per la capacità di saper tradurre abiti, accessori e ogni creazione della moda in illustrazioni dalla sensualità sottile e ambigua. “Se Berthoud sembra disegnare la moda in modo decorativo, in realtà approfondisce il soggetto con un'elegante distanza, prima di ricrearlo nel suo laboratorio…”, raccontava Anna Piaggi.

L’artista, nato a Le Locle nel 1961, illustra la moda con senso dell’umorismo, evocando una cultura visiva che ha le sue radici nell’arte concettuale. Creazioni vistose, fisiche e cariche nella loro dose d’inchiostro acquoso e nello spargimento di linee armoniose.

I temi universali ci sono tutti: arte, eros e morte, su cui aleggia il fantasma morbido e onnipresente della seduzione. La seduzione che sfoggia con delicatezza la potenza della carne e della sensualità.

Foto via francoisberthoud.com

francois berthoud, ltvs, lancia trendvisions

francois berthoud, ltvs, lancia trendvisions

francois berthoud, ltvs, lancia trendvisions

francois berthoud, ltvs, lancia trendvisions

francois berthoud, ltvs, lancia trendvisions

francois berthoud, ltvs, lancia trendvisions

francois berthoud, ltvs, lancia trendvisions

francois berthoud, ltvs, lancia trendvisions

francois berthoud, ltvs, lancia trendvisions