art
I libri cristallizzati di Alexis Arnold

Sembrano arrivare direttamente da una non meglio identificata era geologica le creazioni di Alexis Arnold. L’artista losangelina con base a San Francisco, infatti, si è lasciata ispirare dal concetto di vulnerabilità del libro stampato per realizzare delle opere suggestive intrise del loro tempo, che celebrano il concetto di nostalgia.

I libri vengono immersi in una soluzione di borace che li arricchisce di cristalli, rendendo impossibile leggerli, ma trasformandoli in oggetti meramente estetici, bloccandoli mentre sono ancora “vivi” tra il movimento delle pagine e il valore delle parole scritte e salvandoli per sempre dalla caducità della loro natura. Con la serie “Crystallized Book”, l’artista rende di fatto omaggio non ai racconti narrati sulle pagine, ma alla storia universale del libro e alla magia di un tempo che, con la digitalizzazione di tutti i supporti, andrà prima o poi perso. Salvandoli dalla distruzione, quindi, trasforma i volumi in sculture scintillanti che non vivono più del valore di chi li ha scritti, ma di chi li ha resi oggetti immortali.

© Alexis Arnold

Vota