Il doppio volto delle cose: Elina Ulvio e Luomo Collective

Può un oggetto farci riflettere su quanto la realtà possa avere due facce, come una medaglia? Nel caso di Elina Ulvio e la sua serie “Lampi”, la risposta è si. La designer finlandese, che fa parte di un collettivo di progettiste, Luomo Collective, ha dato vita a un insieme di oggetti che possono essere utilizzati come specchi o vassoi, a seconda che vengano appoggiati in verticale o in orizzontale.

Anche il colore e la capacità di rifrazione dell’immagine e della luce sono in costante mutamento e interagiscono con l’ambiente che li circonda, rispondendo ad essa e facendo così domandare a chi osserva quale sia la “vera” realtà, se quella oggettiva o quella riflessa. I progetti di Elina sono stati definiti “functional art”, perché sono oggetti che privilegiano la funzionalità, appunto, dell'oggetto, ma aggiungendo degli interessanti spunti di ragionamento al processo di fruizione dello stesso.  

© Luomo Collective

Vota