junya watanabe, ltvs, lancia trendvisions

L’esagerazione elegante non è estranea a Junya Watanabe, ex protegé di Rei Kawakubo e designer di Comme des Garçons. Basta ricordare la collezione SS 2015 “grafico-cubista” e i patchwork pazzoidi della collezione FW 2014/15. Nel nuovo lavoro, Watanabe fa esplodere le sue creazioni in sofisticate achitetture fashion e costruzioni che ricordano gli origami.

Il designer giapponese, come il suo maestro Kawakubo, è conosciuto per l’approccio “techno couture” alla moda e per le sue sperimentazioni con tessuti innovativi e sintetici. Nella collezione FW 2015/16 questo si traduce in abiti che ricordano grandi bambole di carta, vestite da mantelle strutturate a nido d’ape e forme fra il morbido e il puntuto.

Tomi Kono, conoscenza del brand Comme des Garçons, collabora alla collezione con i suoi copricapo, a volte simili a caschi, altre grandi nidi composti da fragili piume d’uccello.

Ma il tocco estetico che esalta la grande capacità artigianale di Watanabe è del fotografo di moda Erik Madigan Heck. Nel lookbook i capi sono esaltati nella forma di still life e non di ritratti di persone. Da qui, l’effetto illustrativo e piatto delle modelle, praticamente delle silhouette di carta, che contrastano con la tridimensionalità dei capi.

Foto © maisondesprit.com

junya watanabe, ltvs, lancia trendvisions

junya watanabe, ltvs, lancia trendvisions

junya watanabe, ltvs, lancia trendvisions

junya watanabe, ltvs, lancia trendvisions

junya watanabe, ltvs, lancia trendvisions

junya watanabe, ltvs, lancia trendvisions

junya watanabe, ltvs, lancia trendvisions

junya watanabe, ltvs, lancia trendvisions

junya watanabe, ltvs, lancia trendvisions

junya watanabe, ltvs, lancia trendvisions

junya watanabe, ltvs, lancia trendvisions