La tensione che porta alla pace, nei capi moda di Max Tan

Si vede che a Max Tan piacciono le contrapposizioni. Perché a volte gli opposti convivono bene, esaltandosi vicendevolmente. Lo stilista, che si autodefinisce serio, ma non pesante, minimale, ma mai banale, fragile e anche debole, presenta una collezione – la Fall Winter 16-17 – nella quale esplora lo spirito che determina una società di pace, capace di oltrepassare credenze religiose e paradigmi militari. Le uniformi trascendono i confini delle due sfere, divenendo portavoce austeri di un nuovo linguaggio. Cuciture e dettagli rigidi, un senso di controllo pervasivo, una tensione tra forte e debole, isolamento e libertà. Foto via max-tan.com

Vota