Lavinia Biancalani, l'umiltà porta lontano

Toscana con base (più o meno) fissa a Milano, città nella quale vive con il marito musicista (il tastierista Andrea della band Negramaro *ndr) e due gatti, Lavinia Biancalani è un'iniezione di energia positiva.
 

Fashion blogger, stylist e fondatrice del magazine The Style Pusher, blog e rivista di tendenze, Lavinia ha solo 29 anni, ma moltissimi sogni nel cassetto. Che, pian piano, stanno diventando realtà.

Quali sono i tuoi progetti recenti?
Sto lavorando all’ampliamento del mio Blogazine. Thestylepusher ha avuto nel tempo uno sviluppo piuttosto anomalo: è nato come magazine, si è trasformato in blog personale e ora sta tornando alle sue origini, ma con un concept nuovo, nel quale credo molto. In un’ era in cui l’influenza online, per i brand, si basa sui numeri del singolo - alle volte neanche troppo veiriteri, gonfiati e fuori target - io sto puntando tutto sul team. Si dice che gli utenti non siano più interessati alla lettura dei siti online perché bombardati da contenuti e stimoli continui, ed è vero. Ma allo stesso tempo noto un ritorno alla ricerca dei contenuti originali e di qualità. Ogni singolo membro del team contribuisce alla ricerca e alla produzione dei contenuti del Magazine su una determinata categoria: nessuno si improvvisa.

Facci un esempio?
Amo il mondo food e credo sia molto coerente con il mondo fashion, se raccontato nel modo giusto. Così ho deciso di delegare la cura delle rubriche ad altri influencer, che ho accuratamente selezionato e che rispecchiano al 100% il mio gusto, la mia visione, il mondo Tsp. Su Tsp si parla di moda, musica, food e life style, nuove tecnologie, beauty, cinema ma in modo coerente, grazie ad un team di ragazzi e ragazze giovanissimi che produce contenuti di qualità, con freschezza e voglia di sperimentare.

Una grande squadra.
Eccome! Abbiamo un fotografo, uno stylist, uno sviluppatore web, un grafico, un sound designer, un microcosmo che si firma TheStylePusher. La condivisione dei contenuti è capillare e coerente, ognuno di noi influenza la propria nicchia dandoci la possibilità di veicolare il messaggio su più canali e profili social, veritieri e in target. Credo molto nella micro influenza, è un po’ il concetto deìl’unione fa la forza, ma solo a patto che i contenuti siano totalmente coerenti con il mondo Tsp. Sto riscontrando molto interesse sia dai lettori, che dai brand.

Tu come ti poni in questo team?
Non sono mai stata un’accentratrice: mi piace lavorare in gruppo, condividere, lasciare libertà di sperimentazione. Io certamente resto al centro, ma come voce narrante. Continuo a raccontare il mio mondo da un punto di vista personale, ma così sono in grado di approfondire, posso raccontarmi a 360 gradi, senza ridurre tutto il mio lavoro ad una foto su Instagram. 

Il sogno nel cassetto che sei riuscita a realizzare?
Vivere facendo quel che mi piace, senza rinunciare mai agli affetti e alla famiglia.

Se potessi vivere la vita di qualche altra persona, chi sceglieresti?
Uno scienziato visionario. Ti faccio direttamente un nome: vorrei essere Leonardo da Vinci per un giorno, per sperimentare “il genio” in ogni cosa, scienza e creatività allo stato puro.

Quali sono i tuoi obiettivi da blogger?
Restare coerente con me stessa, reinventandomi ogni giorno.

Nel settore della moda, quali macro cambiamenti hai notato?
Sicuramente la rivoluzione digitale, un business nuovo e in continua evoluzione. Ha riscritto le regole, completamente, rendendo la moda più vicina al consumatore, mentre prima era chiusa a una nicchia elitaria.

Nella tua carriera, c'è stato un punto di svolta cruciale?
Decisamente sì. L’estate del 2006, quando a 18 anni sono volata a New York da sola e ci sono rimasta quasi tre mesi. Lì ho iniziato a capire che andare oltre i propri limiti e le proprie paure e insicurezze è fondamentale per la riuscita di qualunque progetto. 

Quale tra i tuoi progetti ti rende maggiormente orgogliosa?
BaccoNatale, anche se è non un vero e proprio progetto. Si tratta di un party privato che ogni anno organizzo con mio marito nel nostro loft milanese. È una festa nata per gioco, che ormai da 5 anni è diventata simbolo del Natale a Milano, l’unica che riesca a riunire il mondo della moda e della musica in un ambiente intimo e familiare. Mi piace l’idea di riunire così tanti amici nella nostra casa, mi dà soddisfazione pensare che da questo evento nascano ogni anno nuove collaborazioni, amicizie e qualche volta anche nuovi amori.  

Chi o che cosa ti ispira?
La strada e gli adolescenti. Mi piace osservare la gente nella sua quotidianità: le vere tendenze nascono dalla strada. Idem gli adolescenti, che sono i primi a sperimentare, che hanno tanto da dire anche se non se ne rendono conto, e che spesso riversano nel proprio modo di vestire tutto quel turbinio di emozioni e ribellione che hanno dentro.

Il tuo stile: descrivicelo.
Mi piace cambiare, seguire  l’indole e il sentimento del momento. Cerco di assecondarmi indossando ciò che mi fa sentire bene: mi piace partire da una base minimale e poi aggiungere un pezzo che renda il look definito e particolare.

Il tuo principale talento?
Saper entrare in empatia con le persone.

Le difficoltà di chi fa il tuo mestiere?
Guadagnarsi spazio e credibilità, far valere le proprie idee. È un lavoro che ci stiamo inventando ogni giorno, è un business nuovo, con tutte le difficoltà che questo comporta. Bisogna essere decisi e determinati e avere ben chiari gli obiettivi, altrimenti si rischia di diventare incoerenti.

Lancia è da sempre impegnata nello scouting di nuovi talenti e creativi. Qual è la tua idea di talento?
Da una parte si tratta di qualcosa di innato, ma occorre anche una buona dedizione nel riuscire a capire quale sia il proprio, personalissimo talento, coltivarlo e riuscire a farlo emergere. Anche in questo caso credo sia questione di tenacia e umiltà, oltre che un pizzico di intraprendenza. Ciascuno di noi nasconde uno speciale talento. È questione di individuarlo e buttarsi..

Hai un motto?
Sii umile, sempre.

Intervista di Marzia Nicolini
© The Style Pusher 

Vota

Iscriviti alla nostra Newsletter