Lo stile elisabettiano di Nabil Nayal, tra passato e presente

È uno degli enfant prodige dell’ultima generazione di fashion designer. Nabil Nayal, siriano di nascita, ma londinese di adozione, è diventato famoso per le silhouette elisabettiane che veicola su outfit ipermoderni, per un risultato straniante che sembra proiettare eroine algide e poetiche del passato direttamente in un futuro prossimo.

Lo stilista vanta un palmarès di riconoscimenti piuttosto ampio, che include un “Royal Society of Arts Award” , un “Graduate Fashion Week 'Best Womenswear' Award” e il “British Fashion Council MA Scholarship Award”. Nabil è stato il primo stilista ad utilizzare la stampante 3D nel 2010 e attualmente continua a fare ricerca su come questa tecnologia possa integrarsi con il disegno di abiti. Il designer è stato invitato a Buckingham Palace dalla Regina Elisabetta e star come Rihanna, Lady Gaga e Claudia Chiffer sono tra le sue sostenitrici più accanite. Per l’autunno/inverno 2017/’18, Nabil si ispira all’incisore ceco Hollar, al quale prende in prestito immagini che monta in collage potenti e misteriosi. Le silhouette sono nuovamente elisabettiane, intriganti ed estreme, per eroine fiere, coraggiose e al tempo stesso eteree.

© Nabil Nayal

 

Vota