Tina Frey: forme antropomorfe tra design e artigianalità

La sua produzione si ispira alle forme organiche della natura. Tina Frey, designer americana, vive e lavora a San Francisco, California. Ogni suo pezzo viene realizzato a mano in argilla e, in seguito, stampato in resina. Le linee fluide si ispirano alle onde sinuose del mare e alle gocce d’acqua, mentre le curve morbide degli oggetti fanno immediatamente pensare ai ciottoli raccolti sulla riva di una spiaggia, consumati dal lavorìo delle onde.

Tina utilizza il colore non colore per eccellenza, il bianco, per dare una “non identità” ai suoi oggetti. Una tinta usata nel disegno industriale di un tempo, per realizzare i prototipi senza caratterizzarli con il colore, attribuisce in realtà una vera identità alle creazioni dell’artista americana, che fonde il design con la pura artigianalità.

Le resine utilizzate per la sua produzione soddisfano gli standard della FDA per la sicurezza alimentare e sono privi di piombo: un dato che la progettista tende a sottolineare, a significare che le sue creazioni sono oggetti di valore che devono soddisfare e durare nel tempo e non essere considerati meramente utensili usa e getta.

© Tina Frey

Vota