ben branagan, ltvs, lancia trendvisions

Sono vasi, contengono storie, saperi artigianali, strati di processi e tecniche creative. Non si tratta di recipienti antichi, ma di un nuovo tipo di archeologia, sublimata in vasi contemporanei dall’artista Ben Branagan. Il progetto, ancora in corso, s’intitola “Monuments” e l’ambizione, a un secondo sguardo, ha qualcosa d’imponente.

Basti pensare al materiale con cui sono creati i vasi: migliaia di libri da buttare. Sono “Monuments”, appunto, come il titolo di un libro destinato al macero, diventato l’argilla di celluloide per dare forma ai vasi. Monumentale come il numero di storie e parole che perdono il loro senso originale per prenderne un altro: artigianale, etico e artistico.

C’è un uso alternativo al macero per i libri diventati obsoleti. Ben Branagan lo dimostra trasformandoli in vasi dalle forme conteporanee, ispirate al design d’avanguardia, all’artigianato tradizionale, ai megaliti antichi, alle architetture primitive e alla fantascienza.

L’archeologia è un’arte, oltre che una scienza.

Foto via benbranagan.co.uk

ben branagan, ltvs, lancia trendvisions

ben branagan, ltvs, lancia trendvisions

ben branagan, ltvs, lancia trendvisions

ben branagan, ltvs, lancia trendvisions

ben branagan, ltvs, lancia trendvisions

ben branagan, ltvs, lancia trendvisions

ben branagan, ltvs, lancia trendvisions

ben branagan, ltvs, lancia trendvisions